Ancora Hornby, sì.

Ho finito il suo libro sui libri e sulla lettura, e ne sono rimasto più che soddisfatto. Il che è sorprendente soprattutto se teniamo in considerazione che, lo dico con sciagurato ottimismo, conoscevo sì e no un 10% dei libri di cui Hornby ha scritto. Libri americani e inglesi che, in patria, potrebbero avere la notorietà che qui hanno i vari Buzzati, Svevo, Morante e via discorrendo, ma che oltre confine rischiano di essere in gran parte semisconosciuti. Perlomeno, per me erano sconosciuti. Eppure “Una vita da lettore” scorre che è un piacere. E arguto, spiritoso, sostanzialmente onesto. La sensazione è che Hornby, col suo incedere brillante e leggero, avrebbe potuto parlare anche di decostruzionismo o ricette culinarie cingalesi e interessarmi lo stesso un casino. La chiamano “classe”. Chiariamo, dunque: si legge questo libro perché, in primo luogo, si vuole leggere Hornby, l’autore di “Febbre a 90°“, “Altà fedeltà” e “Un ragazzo“.
Poi ci sono i libri. Lo si legge anche perché si vuole sapere di libri. Pochi mi erano già noti (il romanzo che ha ispirato il film “Into the wild”, la grahic-novel “Persepolis”, i lavori di Vonnegut), mentre la stragrande maggioranza era – come detto – a me ignota. Hornby sa rendere alcuni di essi così interessanti che, non lo nego, ho già fatto un paio di visite ad Amazon per rintracciarli. A volte traspare un filino di conformismo nelle scelte e nelle recensioni, è innegabile. Ma si può chiudere un occhio: per mille classici definiti più-che-pallosi si può anche accettare la derisione di un, e sia uno, libro di fantascienza.Il più grande merito del lavoro è però quello di risvegliare la voglia di leggere, in special modo nei periodi in cui le pagine dei libri fanno di tutto tranne che scorrere con la auspicata velocità. “Una vita da lettore” ci dà una scossa in tre modi: con la forma (leggeresti per mesi e mesi cose come questa), col contenuto (libri belli da cercare e leggere, da bramare) e con la passione del lettore Hornby, che tracima da ogni paragrafo e che sembra essere irresistibilmente contagiosa. Tutta salute, eh.

Annunci

Un pensiero su “Ancora Hornby, sì.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...