Le rondini di Kabul.

Venerdì prepasquale, ore 23.50, libreria Melbookstore, Firenze. Gli altoparlanti, con discrezione, ci invitano ad uscire. La libreria sta chiudendo. Paura e delirio.

C’ero entrato perché volevo qualcosa di nuovo da leggere. Dovevo passare le feste, in qualche modo. Pochi istanti prima del terribile annuncio, avevo preso il maledettissimo “I versi satanici” di Rushdie (usato, 3 euro), ma col pressappochismo di chi l’avrebbe letto, forse, solo in un improbabile e distante futuro. Quindi cercavo altro. Veloce, leggero, magari etnico, un po’ Kureishi un po’ Zadie Smith. Si avverte la gentile clientela che la libreria chiuderà tra 5 minuti. Non trovavo niente, e stavano per sbattermi fuori. Pessimo.

Vedo una copertina, un titolo. Non ho tempo di leggere la sinossi. Dubbioso afferro il libro, pago ed esco nella pioggia.

Le rondini di Kabul ” di Yasmina è un libro dignitoso. Non è così impetuoso da trascinarti via, eppure si fa leggere. Non è da tutti. Il tema è quello del rapporto uomo-donna nell’Afghanistan represso e repressivo dei talebani. Viene affrontato presentando, in parallelo, le difficoltà di relazione che sorgono all’interno di un paio di coppie sposate quando il regime talebano, d’improvviso, limita la libertà delle donne. Sull’argomento avevo letto di meglio (l’ottimo “Il libraio di Kabul” di non mi ricordo quale giornalista norvegese/svedese), ma anche il libro di Khadra Yasmina (che poi è uno pseudonimo: l’autore è maschio ed algerino), specialmente nel drammatico finale, sa centrare due o tre bersagli.

Annunci

3 pensieri su “Le rondini di Kabul.

  1. Sul rapporto uomo-donna e relativa situazione in afghanistan interessante e travolgente è il romanzo di Khaled Hosseini:”Mille splendidi soli”(letto in sole 2 notti).autore del più famoso romanzo “Il cacciatore di aquiloni”, Hosseini nel suo secondo romanzo è più appasionante.parla della storia di 2 donne provenienti da 2 diverse(ma non troppo)realtà:le loro strade ad un certo punto sono costrette ad incontrarsi e…

  2. Non si può restare indifferenti di fronte a un testo così crudo, ma reale, come Le rondini di Kabul… E il finale ti scuote.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...