Storia della filosofia greca, di De Crescenzo.

Brevissimevolmente: questo di Luciano De Crescenzo è un libro divertente, interessante, leggero, estivo e forse un tantino banalizzante. Due euro nel complesso spesi in modo dignitoso. M’è passata bene. Nonostante il titolo altisonante, si tratta per lo più di una scorribanda tutta napoletana compiuta nel periodo dei grandi filosofi greci, dai presocratici a Socrate, dal palloso Parmenide al rigoroso Aristotele, passando per Platone, i cinici, gli stoici, gli epicurei, gli scettici… e così via. Ho risentito nomi che non incontravo da una quindicina d’anni circa e che legavo inesorabilmente alle terrorizzanti interrogazioni della prof. di Filosofia dell’epoca (che ganzo che è internet: posso linkarne il nome!). Il libro è naturalmente superficiale (vuole esserlo), non esaustivo, scorrevole e pieno di aneddoti. Inoltre presenta diverse appropriate citazioni per qualche “filosofo” casereccio che l’ing. De Crescenzo (che fine ha fatto?) ha incontrato nella sua vita. Notevoli le pagine finali,  interamente dedicate alla figura del suo professore di “Analisi e calcolo” all’università. Un personaggio, Renato Caccioppoli, che sembrava davvero fuori dal comune.Ah, ritrovare testi che parlano di metempsicosi e di corpo come prigione dell’anima mi ha fatto ripensare, oggi come quindici anni fa, a quel pezzo finale di “The Ethereal mirror” dei Cathedral. Mai chitarra scordata si è trovata più a suo agio come su quell‘arpeggio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...