They came with a song – Americaaaaa.

creationism is true!
Che oggi sia il giorno delle elezioni americane lo sanno anche i sassi. Ti ci bombardano sistematicamente da mesi e mesi, e forse più, come non fanno neanche per le nostre, di elezioni. Tra i due contendenti, com’è prevedibile, preferisco di gran lunga Obama, da cui tutti si aspettano troppo e che se eletto deluderà molti, ma che esibisce lo stesso un carisma che i nostri politicanti possono solo invidiare. Ho letto poco sulle differenze dei due programmi, ma so che una delle accuse che più spesso McCain rivolge ad Obama è quella di voler trasformare l’America in un paese socialista. Naturalmente è un’esagerazione bella e buona, che ha il fine di spaventare gli elettori piazzando in cielo il faccione terrificante e fuori luogo di Stalin nella speranza che qualcuno abbocchi. Se però “socialismo” significherà, nel concreto, porre dei saggi limiti al liberismo sfrenato che ha portato alla crisi del 29 ed a quella attuale, non ci vedo nulla di male. Anzi.Per il mio punto di vista di osservatore esterno, lontano, estremamente distratto, ci sono poi diversi motivi per cui non votare McCain. Il primo è che il rammentare di continuo che lui è un eroe del Vietnam – e qui mi ricorda troppo Walter de “Il grande Lebowski” – per me non ha senso. Che un ex-soldato sia migliore di un altro non reduce da conflitti nel momento in cui deve governare un paese è tutto da dimostrare: anzi, il buon senso mi dice che potrebbe essere peggiore, dimostrandosi una mente calda e anteponendo gli istinti alla ragione. Eppure questo era un punto di forza della sua campagna elettorale. Un altro eccellente motivo per non votare McCain è il fatto che, assieme a quel fenomeno della Palin, ha annunciato di voler inserire il creazionismo nelle scuole. Come Bush – che comunque non mi pare sia intervenuto concretamente in materia – il duo repubblicano si dichiara scettico nei confronti dell‘evoluzionismo e propone di insegnare entrambe le teorie all’interno delle classi, con l’intenzione di “aprire un dibattito” (libri, studi, vite a rimirare fossili, il tutto messo sullo stesso piano di un “C’era una volta Adamo ed Eva, un Dio permaloso e un serpente cattivo..”). Obama, dall’altra parte, dice: “Penso sia un errore cercare di oscurare gli insegnamenti della scienza con teorie che non possono essere dimostrate“. Sono dichiarazioni equilibrate di una persona intelligente e razionale, che non dà troppo valore alla mitologia, contro dichiarazioni di persone stupide, o comunque in malafede e approfittatrici della credulità popolare (Dawkins in “The God Delusion” cita un sondaggio del 99 in cui si asserisce che in America si possono votare tranquillamente presidenti donna, presidenti neri, addirittura presidenti gay, ma che ci sono ben poche speranze per i candidati atei). Nelle settimane passate ho visto un video in cui Sarah Palin si fa togliere il malocchio da una specie di vescovo (capolavoro di religiostizione), ed è una cosa sinceramente esilarante. Non vedo come la stupidità con cui si affrontano certi aspetti della vita non possa riflettersi in eventuali scelte stupide alla guida di un paese. E più il paese è grande e potente, come gli USA, più la stupidità può fare danni. Anche per questo, vada per Obama.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...