Perché sperare nel futuro?

Semplice, perché ad inizio 2009 escono un sacco di dischi potenzialmente belli. Non mi pare poco. C’è il nuovo disco dei Dredg (24 marzo), che devono confermare la vena creativa di “Catch without arms“. C’è il nuovo album dei Mastodon, gruppone metal che mi piace molto (anche se, a dirla tutta, ancora non mi ha conquistato l’organo cardiaco): si chiama “Crack the skye” ed esce nei primi mesi dell’anno venturo. Si parla di “svolta melodica”. Staremo a sentire. C’è, poi, il nuovo lavoro dei Pain of Salvation, che dovrebbe uscire in primavera e segnare l’ennesimo cambiamento stilistico dopo il dirompente “Scarsick“. Infine, c’è il nuovo lavoro dei Queensryche, “American soldier“: un disco concettuale che il cantante e leader Geoff Tate ha progettato e scritto dopo aver intervistato molti reduci di guerra americani. Mi auguro che la band di Seattle sappia risalire la china dopo i due passi falsi chiamati “Operation:mindcrime II” e “Take cover”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...