C’erano una volta il Diavolo, Prada e i Built to spill…

Due cose due, straveloci.Ieri mi son visto in dvd Il diavolo veste Prada. M’ha sempre dato l’idea, così a pelle, di essere una fesseria supergalattica e invece s’è rivelato sufficientemente intrattenente, un’ora e mezzo di frivolezze e momenti quasi spassosi, con una superba Meryl Streep nel ruolo della donna più materiale e cinica del globo terracqueo. Niente di speciale ma non male, non male, per essere un film regalato dalla Conad.

Tra i dischi più ascoltati del periodo c’è Perfect from now on dei Built to Spill, dischettino indie-rock, così dicono, che sa tanto di anni 90 (e, infatti, è uscito nel 1997) e si barcamena con un certo successo tra Dinosaur Jr. e certi Motorpsycho di mezzo. I Built si dimostrano melodici pur nella loro costante ricerca delle più ardite dissonanze, e dotati di una discreta ambizione che li porta a concepire brani tutt’altro che strutturati, lunghi e sghembi, eppure efficaci. Album ottimo e abbondante, come la morbidissima Kicked in the sun.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...