La Zona Agonizzante

La Zona è una sorta di quartiere residenziale dove, protetta da un muro imponente su cui vigila notte e giorno l’occhio di numerose telecamere, vive la gente perbene di Città del Messico. Lontani dalla feccia, con le proprie regole interne e con le proprie scuole, gli abitanti della Zona sono riusciti a creare un piccolo rifugio proprio nel cuore dell’Inferno. Si entra con un permesso, si esce superando una postazione di frontiera. Fuori c’è il pericoloso mondo delle favelas. Dentro, una vita sicura e blindata.Una notte piuttosto tragica tre adolescenti esterni riescono a intrufolarsi all’interno delle mura con l’intento di compiere alcuni furti. Sorpresi a rubare, uno di loro si trova “costretto” a commettere un barbaro omicidio. Scatta un allarme, ed è panico. Tra gli abitanti della Zona spuntano, come per magia, pistole e sete di sangue. Due dei tre ragazzi vengono uccisi, ma anche un sorvegliante viene accidentalmente colpito a morte. Il terzo adolescente, quello meno colpevole, riesce a svignarsela e si nasconde all’interno del quartiere tutto speciale.

La Zona vuole le sue regole, rifiuta l’aiuto della polizia, considerata inefficiente, e le nasconde i cadaveri. I panni sporchi si lavano in famiglia. Per chi vive al di fuori delle mura, non deve essere successo nulla. Niente da segnalare. Per chi abita all’interno, invece, è psicosi. Bisogna darsi da fare. Bisogna riportare l’ordine. Il Comitato che dirige la Zona dà un bel giro di vite alle libertà individuali e organizza delle battute di caccia notturne che intendono scovare il terzo ladruncolo. La paura generale spinge gli abitanti ad una fatale regressione dei comportamenti, all’imbarbarimento, agli istinti atavici. La Zona vuole la propria giustizia.

La Zona è un bel film realizzato dal messicano d’adozione Rodrigo Plà.  Ricordo, en passant, che quando si parla di cinema, “Messico” negli ultimi anni è garanzia di qualità.

Pur non essendolo tecnicamente, questo film ha la potenza e i sottintesi di una buona storia di fantascienza. Consigliato a grandi e piccini.

Annunci

2 pensieri su “La Zona Agonizzante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...