Putrìo, putrìo, putrìo

Pazzia significa, dice Philip K. Dick, doversi far raccontare frammenti della propria vita dagli altri. Pazzia è confondere le cause con gli effetti. Pazzia è chiedersi continuamente se ciò che percepiamo è reale. O se si tratta invece di un’illusione creata ad arte dalla nostra mente drogata, isolata, depressa, schizoide. La nostra mente malata.

Noi marziani (Martian Time-Slip) è un libro s-c-o-n-v-o-l-g-e-n-t-e, come Ubik, Le tre stimmate di Palmer Eldritch e tutti i miglior lavori di Dick. Un libro per larghi tratti autobiografico che – a prescindere dalla solita complessa trama – pagina dopo pagina ci trascina all’interno di una perfetta simulazione, nella quale le sensazioni di smarrimento e di perdita del contatto con la realtà che provano i protagonisti contagiano inevitabilmente anche il lettore. Noi marziani è un libro, come i migliori lavori di Dick, che ci fa dubitare di ciò che percepiamo. Un’ennesima divagazione sull’ontologia. Ma è anche un lavoro straniante che ci permette di comprendere cosa sia la vera paranoia, quella patologica. Che ci porta all’interno di una testa malandata, seppur geniale come quella dello scrittore americano, e ci fa vedere con i nostri occhi, sempre cauti, sempre incerti, cos’è o cosa potrebbe essere la malattia mentale. Un libro malsano di mediocri protagonisti, di vite solitarie e vacue, patetiche, da cui loro stessi cercano di sfuggire creandosi fittizi – ma verosimili – trip mentali, abbracciando l’illusione del denaro, rifugiandosi nella comodità del suicidio o, più semplicemente, buttando giù qualche pastiglia di troppo. Come, è noto, faceva lo stesso Dick. Uno che stava chiuso in casa per settimane a causa di un’enorme mostruosa faccia stagliata in cielo che lo minacciava non appena varcava la porta d’uscita. Uno che si riteneva l’esegeta di Dio e che trascorreva nottate intere a metter su carta le incomprensibili istruzioni dell’Altissimo. Uno che, nonostante tutto ciò, riusciva a dare una struttura così tanto verosimile e geometrica ai suoi romanziil che implica un controllo della storia che necessita di una qualche lucidità mentale.

Una volta ho visto il film tratto da A skanner darkly (Un oscuro scrutare), tratto da un lavoro di Dick che mi dicono essere non proprio entusiasmante, e ho provato un estremo disagio. La sensazione di confusione cognitiva, di alterazione delle percezioni e di progressivo instupidimento, causa abuso di droghe, che trasmetteva quella rappresentazione era così reale da essere insopportabile. Il decadente Noi marziani, pur parlando d’altro, pur toccando anche temi molto diversi (il razzismo, l’immigrazione, i problemi delle coppie etc etc) ci infila nello stesso universo psicotico, dove la realtà è disconnessa e sghemba e il tempo si dispiega a strappi, imprevedibili strappi. Ed è anch’esso un resoconto credibile, efficace, vero e doloroso. Perché il primo passo verso una follia senza ritorno, a volte, sembra nascondersi proprio dietro l’angolo.

Un capolavoro di cui si potrebbe parlare per ore. Un capolavoro, appunto.

Annunci

11 pensieri su “Putrìo, putrìo, putrìo

  1. Noi marziani è fra i romanzi che mi mancano. Per qualche motivo, l’ho sempre messo in secondo piano.Lo proverò, appena finisco di far fuori la pila di libri che sta ancora attendendo di venire finita. :-)

  2. in effetti anche io l’avevo lasciato per ultimo, tra quelli meglio considerati.Il prossimo Dick lo leggerò tra un po’, ma non so se esiste ancora qualcosa di davvero meritevole. Niccolò? Per ora ho letto (grazie, Anobii): Philip K. Dick (1928-1982): una biografia Io sono vivo, voi siete morti (Altri) di Emmanuel Carrere Aggiungi tua libreria Aggiungi la tua lista desideri In tua libreria Vedi | Modifica Noi marziani di Philip K. Dick Aggiungi tua libreria Aggiungi la tua lista desideri In tua libreria Vedi | Modifica La svastica sul sole (Brossura) di Philip K. Dick Aggiungi tua libreria Aggiungi la tua lista desideri In tua libreria Vedi | Modifica Ubik Il romanzo e la sceneggiatura (Brossura) di Philip K. Dick Aggiungi tua libreria Aggiungi la tua lista desideri In tua libreria Vedi | Modifica Le formiche elettriche di Philip K. Dick Aggiungi tua libreria Aggiungi la tua lista desideri In tua libreria Vedi |

  3. Grandissimi sono La Penultima Verità, Labirinti di Morte, l’Occhio Nel Cielo, L’Uomo dei Giochi a Premio, anche se non so dirti adesso che titoli gli abbiano dato quegli stronzi della Fanucci.

  4. La "Svastica" secondo me è solo buono. Ma considera che l’ho letto circa dieci anni fa, quindi il mio parere vale poco. Credo che "le tre stimmate di palmer eldritch", "ubik" e "noi marziani" gli siano superiori. Se dovessi leggere solo un libro di Dick sceglierei, credo, "le tre stimmate" (che ho letto un paio di volte, infatti), perché contiene gran parte degli elementi dickiani: la paranoia, l’abuso delle droghe, l’incapacità di districarsi tra  vari livelli di realtà, l’attrazione per la metafisica e la circolarità del racconto. Un capolavoro a tutto tondo.Il "film"  tratto da a scanner darkly (le virgolette le uso perché la pellicola è stata mooolto rilavorata in fase di postproduzione: http://www.youtube.com/watch?v=5B8-J7E4CN0) secondo me è parecchio forte, rende bene l’idea di come un cervello possa deteriorarsi continuando ad abusare di droghe serie, e di come il possessore di quel cervello si faccia continue paranoie riguardo al suo inevitabile divenire stupido. Ma non so se possa piacere a tutti, sinceramente. E’ davvero molto alienante, per struttura, dialoghi e messa in scena.Per quanto riguarda i film tratti da Dick, oltre all’arcinoto Blade Runner, andrei sempre sull’ottimo "Atto di forza" (che sicuramente avrai visto).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...