Maybe this time the road is just too rough

the road mccharty

The Road, di Cormac McCarthy. Uno di quei libri che di colpo ti ricordano quanto può essere magica la letteratura. Quanto può essere appassionante e tragica, elegante e distruttiva. Anche commovente, anche commovente. Perché no. The Road. Una di quelle storie che ti capitano in mano e che ti fanno riscoprire il piacere del leggere narrativa. E che ti fanno ridimensionare un sacco di altra roba. The Road. Uno di quei capolavori assoluti, così possenti da sovrastare eventuali categorizzazioni, capolavori che non hanno proprio bisogno di essere commentati.

Cupo, grigio cenere, sobrio, deprimente eppure così vivo, The Road è un libro di cui non ha senso parlare troppo. Quindi non la farò tanto lunga. Basta sfogliare le prime due pagine, infatti, e siamo già parte integrante dell’avventura, triste storia senza cause né effetti. Senza passato e senza futuro. Due pagine e siamo già sulla strada assieme a loro due, il padre e il figlio. La loro insensata lotta per la sopravvivenza. Il loro teatro: un mondo morto di persone morte, un cielo pesante che neppure il sole riesce a forare. Uno sghembo carrello per la spesa. Un mare che è piombo. Un vento umido, marcio. Stupide speranze.

No, non ha senso dilungarsi. The Road, dicevo, va semplicemente consigliato. L’hanno fatto con me e io, nel mio piccolo, lo faccio con voi. Leggetelo. Leggetelo. Leggetelo. Come me, vorrete ringraziare chi l’ha scritto.

You have to carry the fire.

Annunci

5 pensieri su “Maybe this time the road is just too rough

  1. Credo che questo allora sia l’ennesimo caso di ottimo libro, che ha subito un cattivo adattamento cinematografico.
    Ho visto il film tratto da esso, e a parte l’ambientazione e certe scene abbastanza intense, mi è sembrato molto ripetitivo e con un finale abbastanza deludente. (Non voglio fare spoiler, dico solo che mi sarei aspettato di vedere il figlio diventare più maturo.)

  2. Io il film non l’ho visto ne credo lo guarderò in futuro.

    Se han fatto un buon lavoro ed è almeno al livello del romanzo la sua visione mi risulterebbe insostenibile.

    Se invece fosse un brutto film, beh… allora non ne varrebbe comunque la pena, no?

    • è un po’ la mia posizione. pensandoci bene non so quanto possa rendere su pellicola la storia di “The road”. non c’è intreccio narrativo, non c’è un fine cui mirare, non c’è uno sviluppo delle vicende, non ci sono grandi colpi di scena. si ama l’atmosfera e il modo in cui viene narrata, più che altro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...