Il libraio che incontrò Satana

 

L'apprendista libraio (blog)
da L’apprendista libraio (blog)

Sono un assiduo lettore del divertentissimo L’apprendista libraio e ieri mi sono mio malgrado trovato in una di quelle situazioni surreali che l’autore del suddetto blog, Stefano Amato, è solito raccontare.

Ero all’interno della libreria Feltrinelli di Firenze (la migliore, tra quelle che conosco, per quanto riguarda la saggistica) e stavo cercando alcuni testi di psicologia. Accanto a me una signora oltre i sessanta, tutta impacchettata in una vestititino ultraffinato e kitsch, stava parlando con un giovane commesso della libreria. Non ho potuto non ascoltare quel che si dicevano. Eccone un approssimativo sunto:

[…]

“… io stavo cercando qualcosa che parli della storia della violenza, appunto.” dice la donna. Appare subito irritante, boriosa. Giunta lì solo per rompere le palle al prossimo.

“Sì, signora. In questa sezione abbiamo più che altro analisi psicologiche del fenomeno, per un approccio di tipo storico c’è l’altro reparto…”

“Forse sarebbe meglio, sì.”

“Aspetti, le vado a prendere qualcosa.”

“Va bene. Aspetto qui.”

Si siede. “Ma non avete poltroncine un po’ più comode?”

Un pao di minuti e il ragazzo torna con un libro in mano.

“‘La storia della violenza’. Forse questo potrebbe interessarle. Sembra proprio ciò che sta cercando.”

La donnina lo sfoglia. Sguardo perplesso, insoddisfatto.

“Non so. Mi aspettavo che si soffermasse maggiormente sui casi singoli.”

“Allora qui abbiamo dei libri di criminologia che potrebbero fare al caso suo. Vede, c’è il libro sul Mostro di Firenze, il libro su Restivo, il libro su…”

La discussione prosegue e a lei non va bene niente. Tutto ciò che il ragazzo le cita, le legge o le fa sfogliare non è esattamente ciò che lei vuole. Bisogna darci dentro per farla contenta. Lei non si fa infinocchiare dal primo libraio che passa.

“Ma si spiega, qui, perché la violenza viene generata?”. Eccoci. Non le va bene nulla perché tutti sbagliano. Lei sola conosce la Verità.

“Non so… da questa parte abbiamo libri che cercano di affrontare il tema dal punto di vista delle neuroscienze. Ci si chiede se… […]. Insomma, come si legge nella quarta di copertina, qui ci si chiede se chi commette violenza possa essere ritenuto responsabile o meno… Si discute, cioè, di libero arbitrio. Si legge infatti che secondo le neuroscienze… […]”

“Lei crede in Dio?”, chiede la donna al ragazzo.

“Mah, insomma, non so. Diciamo di sì”.

“Ecco. Lo sanno, tutti questi scienziati e studiosi, che la colpa è solo di Satana? E’ Satana che fa commettere la violenza. E’ Satana che contrasta il Bene del Signore. Ma loro non lo dicono.”

“Eh, non lo dicono no” replica il ragazzo, evidentemente in difficoltà.

“Non lo dicono. Hanno paura. Cercano di trovare altre spiegazioni, spiegazioni scientifiche… Ma non dicono che la violenza è causata solo ed esclusivamente da Satana. Chissà perché. Non è evidente?”

“Non possono dirlo”, aggiunge il commesso. Vorrebbe essere altrove. Ovunque ma non lì.

“Eh, se no cadrebbero tutte le loro teorie e ipotesi e…”

Vanno avanti altri dieci minuti – minimo – a discutere di Satana e affini, col ragazzo che cerca di assecondarla in tutti i modi. Alla fine lui, il mio eroe, trova un pretesto e se ne va.

“Signora, ora mi scusi, ma devo terminare un lavoro al computer.”

“E io che faccio, ora?”, ha il coraggio di dire dopo aver sparato fesserie per una ventina di minuti. “Non mi avete indirizzata su nulla!”.

True story.

 

Annunci

4 pensieri su “Il libraio che incontrò Satana

  1. Vabbè, senza parole.
    Quello che mi sfugge è il perché del cercare libri che spieghino l’origine del male, vista la sua sicurezza che la causa sia Satana. :-D

  2. Fighissimo!
    Spero di poter vedere anch’io, un giorno, una scena del genere. :D

    Poteva indirizzarla alla sezione horror. D’altronde, era fiction e non saggistica, quello che cercava. :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...