Apparizioni, sparizioni… e memetica

La cosa mi fa ridere parecchio, ma in effetti è uno di quei fenomeni che dà anche molto da pensare. Fa riflettere sul modo in cui si diffondono le idee e su come, mediamente, la gente tende a cercare, a selezionare e a prendere per buone solo le informazioni che confermano le proprie teorie, con tanti saluti al falsificazionismo popperiano. Se davvero sei disposto a credere all’assurdo, alla resa dei conti niente ti impedirà di farlo.

E’ presto detto. Qualche anno fa il faccione barbuto e angosciante di Padre Pio comparve (!) sul muro che si trova di fronte alla finestra della casa di un amico. Era lì davanti a me, ragazzi. Era lì, in tutta la sua santità. Non potendo farmi sfuggire l’occasione, e quanto ti ricapita, scattai una foto col telefonino che finì dritta dritta sul blog (come succede sempre con ogni fotografia che ritrae qualsiasi presunto fenomeno paranormale, l’immagine è necessariamente di pessima qualità). La testimonianza della misteriosa apparizione si trova in questo post che risale a un paio di anni fa. La didascalia dice “Padre Pio appare sul muro di un edificio a San Miniato (PI) (foto mia: non è un fotomontaggio!)”.

Quel che è fantastico e inaspettato è che in questi due anni, ma soprattutto negli ultimi mesi, un crescente numero di persone è arrivato e continua ad arrivare sul blog cercando “Padre Pio appare a San Miniato”, “Padre Pio è davvero apparso a San Miniato?”, “Padre Pio appare su un muro a San Miniato”, “Padre Pio San Miniato” e varianti. L’idea si diffonde, si moltiplica. Probabilmente c’è anche un (ridotto) passaparola. Padre Pio, Lui. A San Miniato. Più passa il tempo, più diventa vero.

Per un momento ho pensato d’aprire una bancarella sotto il Sacro Muro e buttarmi nel business delle statuette dei Santi. E delle collane, e delle acque miracolose, e dei calcinacci portafortuna benedetti che scacciano il diavolo e fanno fare tante cose buone. Per un momento ho pensato che avrei potuto aprire un blog dedicato all’evento. E buttar giù la descrizione di qualche fatto ambiguo o anormale. Di un paio di guarigioni, come dire, sospette. Di una qualche nonnina novantenne che ha fatto un certo sogno. E che dire di tutto quell’improvviso, intenso profumo di rose?

Poi, naturalmente, ho lasciato perdere.

(immaginate una sera d’estate un videoproiettore, immaginate di collegarlo a un pc, immaginate di cercare una certa foto su Google Images, immaginate una sana voglia di cazzeggio, immaginate di volersi fare quattro risate, immaginate, immaginate e immaginate…)

Annunci

2 pensieri su “Apparizioni, sparizioni… e memetica

    • Lo so, lo so. C’era anche da aprire un blog… padrepioasanminiato.wordpress.com, per esempio. E tirare su un bel business. Libri, articoli, racconto di miracoli, inviti da Vespa, servizi di Studio Aperto… però ci vuole quella faccia tosta che non ho :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...