Vietato sparare agli usignoli

Il buio oltre la siepe (To kill a mockingbird), di Harper Lee. Il romanzo che, per il suo forte messaggio anti-razzista, Obama vorrebbe fosse letto in ogni scuola americana. Polverosa pietra miliare a cui sono giunto con colpevole ritardo. L’Alabama degli anni ’30, i pregiudizi di paese, l’ipocrisia delle signore benvestite. Fotografia color seppia. Strade rosse, terrose. Tramonti pigri sorseggiando limonata. L’eroe colto e assennato – il padre della piccola ribelle Scout, personaggio che rappresenta il punto di vista della scrittrice stessa -, l’ostinata lotta della ragione contro ignoranza e bigottismo. Un povero cristo da salvare. Le lunghe torride estati dell’infanzia, i giochi, i mostri, le poetiche fughe nella notte. Le prese di coscienza, il capire. Il crescere, l’emergere dell’Io tra imposizioni culturali e corse a perdifiato senza guinzagli. Il consolidarsi di un profondo, indiscutibile, senso di giustizia nella testa di una ragazzina. Il suo progressivo diventare adulta.

Un macigno, nella sua leggerezza stilistica. Un solido, schietto, inno al pensiero razionale. Ma anche, se vogliamo, l’ennesimo straordinario romanzo americano sulla nostalgia dell’infanzia.

E sì, ha ragione l’amico Barack. Se avete figli, fate in modo che Il buio oltre la siepe prima o poi capiti sui loro comodini.

Annunci

7 pensieri su “Vietato sparare agli usignoli

  1. Pensa che non l’ho mai letto, pure se fa parte della mia lista mentale di libri da leggere prima o poi… sono stata più volte sul punto di acquistarlo in libreria, ma ho poi sempre deciso per prendere altro che ritenevo più urgente.
    OK, mi hai convinta. Al prossimo giro lo arraffo.

  2. Bel punto, su uno dei libri che ‘alla taverna’ hanno avuto grande consenso e sono ancora lì, pronti per essere riletti alla prima occasione. Da notare anche che il film tratto dal romanzo è una gran bella pellicola.
    Non ho trovato il trailer in italiano, ma il pensiero finale (quindi attenzione allo spoiler) è negli ultimi due minuti che si trovano qui:
    http://goo.gl/vP6Go

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...